Recensione Libri

Recensione “Il giardino al chiaro di luna” di Corina Bomann

Buona sera carissimi lettori,

eccomi qui ancora con voi per condividere il piacere di un buon libro appena terminato. L’autrice non vi sarà nuova, se avrete letto le altre mie recensioni, ma andiamo con ordine.

Il giardino al chiaro di luna

Titolo: Il giardino al chiaro di Luna

Autrice: Corina Bomann

Casa editrice: Giunti

Scheda dell’autrice

Corina Bomann vive in una piccola cittadina tedesca. Oltre a L’isola delle farfalle, è autrice de Il Giardino al chiaro di Luna, Un Sogno tra i fiocchi di neve e L’isola dei gelsomini.

Recensione

Corina Bomann non si smentisce, la quarta di copertina del libro recita così:

“Un vero must per chi ha amato L’Isola delle farfalle…”

E in effetti è proprio così, ne Il giardino al chiaro di luna ritroviamo moltissimo lo stile del primo di romanzo della scrittrice.

Protagonisti del libro il passato e il presente entrambi rappresentati da due donne: Rose e Helen da un lato e Lilly e Ellen dall’altro, uniti al freddo nord e al caldo e ai colori dell’Indonesia. Ancora una volta la scrittura liscia e fluida della Bomann palleggia nel tempo e nei luoghi. Questa volta i tanti flashback di cui si riempie il libro sono forse i veri protagonisti, delineando a pieno la storia che la Bomann vuole raccontare, mentre il presente diviene un raccordo, un modo per riempire i tasselli che mancano, ma anche il luogo dove tutto è ancora vivo e può ancora essere cambiato.

Berlino, Amburgo, Londra, Cremona e l’Indonesia, questi sono i luoghi raccontati e visitati dagli occhi dei protagonisti de Il giardino al Chiaro di luna.

La storia racconta di una giovane vedova, che durante l’orario di lavoro si vede recapitato del suo negozio di antiquariato a Berlino un violino, ma non un violino qualunque, ma uno con una rosa incisa al suo interno e di cui lei, per qualche strano motivo, dovrebbe esserne la proprietaria.

Inizia da qui il viaggio di Lilly, un viaggio non solo materiale, ma anche spirituale che la porterà a conoscere la storia di due donne, Rose e Helen, vissute durante le guerre mondiali. Un viaggio che la aiuterà anche a ritrovare se stessa, la voglia di vivere e di sognare ancora.

Un romanzo che lascerà i lettori a bocca aperta, soprattutto per il finale (tranquilli non ve lo svelo), quegli stessi lettori che verranno probabilmente accompagnati per tutta la lettura dalla melodia del Giardino al chiaro di luna, così si intitola lo spartito contenuto nella custodia del violino misterioso, ognuno immaginerà un suono, una musica diversa, del resto tutti noi abbiamo la nostra colonna sonora no?

Il giardino al chiaro di luna

Auguro allora a tutti voi buona lettura e come sempre buon viaggio tra le pagine di un buon libro, mentre io cercherò il prossimo da consigliarvi, anche se forse già l’ho in mente.

A presto

Enrica Leone

Annunci

4 risposte a "Recensione “Il giardino al chiaro di luna” di Corina Bomann"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...