Tanta politica e un po’ di romanticismo per l’ultima puntata di Che tempo che fa

PicCollage

In molti l’avevano dato per sconfitto fin dall’inizio. Probabilmente tanti ci speravano e invece il programma che Fabio Fazio guida ormai da quindici anni ha superato anche lo scoglio della “promozione” su Rai Uno. A fronte di una controprogrammazione, almeno a inizio stagione, senza precedenti, Che tempo che fa si è difeso bene portando ancora una volta nel salotto degli studi di Via Mecenate a Milano e nella casa di milioni di italiani cultura unita a ciò che è più popolare e leggero.

È stato un anno non privo di polemiche, l’ultima qualche giorno fa in riferimento alla puntata di domenica 20 maggio che secondo molti si sarebbe dovuta sostituire con un’edizione speciale del Tg1 per seguire le vicende politiche. Da indiscrezioni sembrerebbe che lo stesso Fazio avesse messo a disposizione la sua lunga diretta per lasciare spazio all’informazione. Le cose non sono però andate così e a farne le spese, ancora una volta, è stato il conduttore ligure che ormai da tempo è diventato il soggetto preferito di un ridicolo tiro al bersaglio.

Nonostante le costanti turbolenze Fazio e il suo team hanno portato a casa 32 prime serate domenicali con una media del 16,40% e 4.200.000 spettatori nella prima parte della serata e una media del 14,50% con 2,5 milioni di spettatoti nella seconda parte (dalle 23.00 a ben oltre la mezzanotte) denominata Il tavolo di Che tempo che fa. A tutto ciò corrispondono altrettante seconde serate il lunedì con una media del 13,40% di share con un milione e mezzo di telespettatori. Complessivamente circa 150 ore di messa in onda. Tra gli ospiti indimenticabili di questa stagione sicuramente gli U2, Meryl Streep e Tom Hanks. E tra le curiosità “rosa” la versione nostrana del matrimonio reale, ovvero quello tra Filippa Lagerbäck, al fianco di Fazio nella presentazione degli ospiti dal 2005, e Daniele Bossari che ha tenuto scherzosamente banco per un bel po’.

Domenica 3 giugno Fazio e la sua squadra si preparano a salutare il loro pubblico, ma solo per l’estate. Il programma tornerà a settembre.

Ecco il parterre di ospiti.

Dopo l’invito ufficiale di Fazio a Di Maio e Salvini durante la telefonata in diretta del leader del Movimento 5 stelle non ci sarà l’atteso incontro in studio. Al loro posto Carlo Cottarelli, il direttore del Tg1 Andrea Montanari, il direttore de Il Corriere Della SeraLuciano Fontana, il co-fondatore de Il Fatto QuotidianoPeter Gomez e il giornalista, scrittore e autore Michele Serra per commentare il nuovo scenario politico italiano.

Rientra dalla porta principale di Rai Uno Mara Venier pronta a rispondere a tutte le domande di Fazio anche sul suo ritorno la domenica pomeriggio nella nuova stagione, nelle vesti di padrona di casa di Domenica In.

Non poteva non essere presente all’ultima puntata anche Roberto Saviano.

E poi ancora Alice Rohrwacher regista e sceneggiatrice di Lazzaro Felice, film da poco uscito nelle sale che ha vinto il Premio per la Miglior sceneggiatura al Festival di Cannes e candidato nella categoria Miglior film ai Nastri d’Argento 2018.

Lo spazio musicale è affidato a Carl Brave con Francesca Michielin. Dall’11 maggio 2018 è in rotazione radiofonica il singolo Fotografia, brano del cantautore che vede la speciale partecipazione di Francesca Michielin e Fabri Fibra e primo singolo estratto dall’album Notti Brave, al primo posto nella classifica FIMI da due settimane consecutive.

Al termine della prima parte come sempre l’ironia di Luciana Littizzetto.

Nella seconda parte Che tempo che fa – il tavolo accanto alle spalle fisse Nino Frassica, Gigi Marzullo, Vincenzo Salemme e Orietta Berti rimarrà Mara Venier.

Accanto troveremo i neosposi Filippa Lagerback e Daniele Bossari. Insieme a loro il più celebre wedding planner d’Italia Enzo Miccio, che ha curato tutti i dettagli del matrimonio e Luciana Littizzetto, che con la sua consueta ironia commenterà questo atteso evento e non solo. Inoltre, il grande Pippo Baudo che nel 2019 celebrerà i 60 anni di carriera e Lello Arena e Enzo De Caro, storici membri insieme a Massimo Troisi de La Smorfia.

Infine, Luigi Albertelli, uno dei più noti parolieri della musica italiana e autore di oltre 1000 canzoni. Nella sua carriera ha vinto due volte il Festival di Sanremo: nel 1969 con “Zingara” cantata da Iva Zanicchi e Bobby Solo e nel 1987 con “La notte dei pensieri” interpretata da Michele Zarrillo.

Lunedì, in seconda serata, appuntamento invece con il gran finale di Che fuori tempo che fa. Ospiti Amanda Lear, Gianluca Pagliuca, Paola Ferrari, Alberto Matano, Raul Cremona, il Mago Forest, Antonella Elia e come sempre la copertina di Maurizio Crozza.

Enrica Leone

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...