Recensione Libri

Recensione “Cuore di tempesta” di Corina Bomann

Buongiorno miei carissimi lettori,

finalmente posso recensire il nuovo romanzo di Corina Bomann, lo sapete ho un debole per lei. Non appena esce una nuova storia io mi precipito in libreria.

8695809_3301057.jpg

Titolo: Cuore di tempesta

Autore: Corina Bomann

Casa editrice: Giunti

Disponibile anche in versione ebook

Voto:Stella votoStella votoStella votoStella votoStella voto

Scheda dell’autrice

Corina Bomann vive in una piccola cittadina tedesca. Oltre a Cuore di tempesta, è autrice de L’isola delle farfalleIl Giardino al chiaro di LunaUn sogno tra i fiocchi di neveLa signora dei gelsominiL’eco lontana delle onde del nord, Un’estate magica, L’anno dei fiori di papavero , Una finestra sul mareIl fiore d’inverno.

Recensione

Quando una scrittrice è brava lo è sempre. Ogni libro diventa un piccolo capolavoro. Ho sempre amato i romanzi di Corina Bomann, ogni anno attendo con ansia l’uscita di quello nuovo, cosa che avviene di media due volte ogni 12 mesi e spero che anche questa volta sia così.

Cuore di tempesta ha come protagonisti Alexa che vive a Berlino e si occupa di un’agenzia letteraria, sua madre Cornelia e Richard un uomo americano, grande amore dell’anziana donna.

Un giorno Alexa viene avvisata che ad Amburgo sua madre ha avuto un ictus. I rapporti tra le due donne non sono per nulla buoni, è come se Cornelia avesse smesso di volere bene a sua figlia quando aveva 11 anni. Nonostante ciò Alexa corre da lei.

Una volta arrivata ad Amburgo la sua strada si incrocia con quella di Richard, il grande amore di gioventù di sua madre, creduto morto durante l’alluvione del 1962. Ora è uno scrittore di fama internazionale ed è in Germania per una presentazione, assieme a suo figlio Ethan.

È grazie ai ricordi di questo anziano signore che Alexa conoscerà a fondo sua madre, scoprirà la grande disavventura del nubifragio, ma soprattutto comprenderà alcuni dei comportamenti di Cornelia quando lei era piccola e imparerà di nuovo a volerle bene.

Ancora una volta la Bomann ci presenta una storia che riporta il lettore indietro nel tempo, in questo caso al 1962 quando la grande alluvione sommerse Amburgo. Si parte dunque da un fatto realmente accaduto, la storia di Cornelia e Richard nasce dalle ceneri dell’avventura di molte persone che quell’anno persero la vita o videro morire annegati i propri parenti.

C’è spazio però anche per il presente, perché i flashback si alterneranno all’Amburgo di oggi e alla vita di Alexa.

Una storia struggente, ma carica di emozioni. La Bomann sa come fare breccia nel cuore dei suoi lettori. Ancora una volta la magia che ruota attorno ai romanzi di questa scrittrice ha avuto la capacità d tenermi incollata al libro.

Non solo questo, ma tutti i romanzi di Corina Bomann meritano di essere letti.

Enrica Leone

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...